Dervisci rotanti

Turchia


Dervisci rotanti: un’esperienza unica ed estremamente suggestiva poter ammirare lo spettacolo dei dervisci rotanti a Istanbul. Monaci musulmani che comunicano con la divinità attraverso la danza. Durante le cerimonie i dervisci ruotano su se stessi in una danza ipnotica oscillando per periodi che variano da dieci minuti a mezz’ora sulla punta delle prime due dita del piede sinistro con un movimento a semi cerchio in due tempi. Il primo arco discendente rappresenta la creazione e proviene da Dio, il secondo ascendente raffigura la comunione spirituale. Questa danza viene eseguita rivolgendo il palmo di una mano verso l’alto, a ricevere la parola di Dio e l’altro verso la terra per trasmetterla ai fedeli.
La danza, è stata dichiarata bene immateriale dell’Umanità dall’Unesco.
Il Sema (danza dell’estasi) venne a simboleggiare l’Ordine Mevlevi perché è il più antico rituale dell’Ordine. Accompagnato dalla musica e perfezionato da certe regole, l’atto “vorticoso” è diventato, nel tempo, più maestoso, impressionante e accattivante. Col tempo fu trasformato in un “rituale” da Mevlevis. Ogni atto in questo rituale ha un significato e viene eseguito in grazia. Dalle vesti del derviscio a ciascuno dei suoi movimenti, e dalla particolare forma del Mevlevihane ai colori, tutto è simbolico.
Il cappello è conico e di colore chiaro, mentre il mantello è lungo e nero. Il copricapo in particolare simboleggia la tomba dell’ego, mentre l’ampia gonna bianca indica il sudario dell’ego. L’accompagnamento musicale, ancora, rappresenta il respiro di Dio, specie durante il suono del ney, il flauto di canna. Per i dervisci è importantissimo il sema, o cerimonia del roteare, composta da sette parti, con differenti significati. L’amore, la condivisione del sentimento divino tra gli esseri umani, riguarda il tema centrale, mentre le prime tre parti sono preghiere, auguri e improvvisazioni musicali. Poi si passa alle quattro formule di saluto: la verità attraverso la conoscenza, lo splendore della creazione, la sottomissione totale a Dio e l’accettazione del destino.
Nella danza, quando i dervisci allungano le braccia lasciano che l’energia divina entri dal palmo destro, attraversi il corpo ed esca dal palmo sinistro scaricandosi a destra. Il movimento ha termine con un inchino, che indica il ritorno a una condizione di sottomissione.

La rappresentazione dei Dervisci rotanti si svolge presso: Yenikapı Mevlevihanesi  Foundation, la prima e l’ultima settimana di ogni mese. Tekke di Karagümrük (Nurettin Cerrahi Tekkesi), ogni sera. Silivrikapı Mevlevihanesi, ogni giovedì. Zawie (piccola Tekke) di Fatih, ogni domenica.
Galata Mevlevihanesi, ogni domenica. Centro culturale Hodjapasha, tutti i giorni tranne il lunedì e il venerdì.

Personalizziamo questa destinazione con un itinerario esclusivo e particolarmente appassionante, proponendo un programma avvincente e soprattutto offrendo l’opportunità di condividere l’emozione di partecipare ai festeggiamenti nel fervore e nell’unicità di vivere l’incomparabile fascino della solennità che caratterizzano queste celebrazioni popolari.

Partenza libera e garantita con minimo di soli due partecipanti.

La garanzia e l’assistenza costante è riservata esclusivamente ai nostri clienti tramite i nostri referenti e collaboratori residenti in loco.